semafori alimentari

Big Food e le etichette a semaforo: ci risiamo!

Questa volta è direttamente “Big Food” a uscire allo scoperto, e ad appoggiare apertamente – e in modo interessato – le “etichette a semaforo”, o “semafori alimentari“, il già tanto deprecato sistema di etichettatura – adottato dalla grande distribuzione in Gran Bretagna, nel nome di una presunta “lotta all’obesità” – che “bolla” con il rosso alimenti contenenti grassi, zuccheri o sale, senza valutare la qualità e salubrità generale del prodotto, con il risultato che prodotti come il parmigiano subirebbero penalizzazioni all’acquisto, mentre bibite come la Coca Light godrebbero di “semaforo verde”. Leggi di più a proposito di Big Food e le etichette a semaforo: ci risiamo!

POLVERE DI LATTE

Un anno fa esatto la notizia della messa in mora da parte dell’Unione Europea all’Italia, per la norma italiana che vieta l’utilizzo di latte in polvere per la produzione di formaggi e latticini faceva letteralmente il giro del web, e delle coscienze. Le prese di posizione, le opinioni e l’ideologia hanno – come sempre in questi casi – preso il sopravvento sui fatti. Leggi di più a proposito di POLVERE DI LATTE

Il Business della paura: quanto bisogna preoccuparsi del cibo e quanta informazione-spazzatura viene prodotta sulla sicurezza alimentare?

Editoriale di Arianna Acciarino – Direttore editoriale di mangiobenevivobene.it

Mangiare fa paura?
Sembrerebbe di si: 9 italiani su 10 si dichiarano infatti molto preoccupati per quello che mettono nel piatto.
Una percentuale (l’86%) che supera di ben 7 punti quella della media europea, stando al sondaggio che l’Efsa (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha commissionato nel 2010 a Eurobaromentro sui “Rischi associati agli alimenti”, realizzato su un campione di ben 26.691 persone, dai 15 anni un su, provenienti da tutti i 27 Stati membri. Leggi di più a proposito di Il Business della paura: quanto bisogna preoccuparsi del cibo e quanta informazione-spazzatura viene prodotta sulla sicurezza alimentare?

Cibi contaminati: intervista a Rolando Manfredini, responsabile qualità per Coldiretti

Coldiretti ha da pochi giorni reso pubblica la Black list dei cibi più contaminati importati dall’Europa, suscitando non soltanto indignazione per il mancato rispetto delle regole e per la carenza nei controlli ma, soprattutto, preoccupazione tra i consumatori. Abbiamo raggiunto telefonicamente il dottor Rolando Mafredini, Responsabile Qualità per la Coldiretti, per fare chiarezza sui numeri di queste irregolarità e per capire quali azioni intraprendere per impedire l’ingresso nel mercato europeo di prodotti potenzialmente molto dannosi per la salute. Leggi di più a proposito di Cibi contaminati: intervista a Rolando Manfredini, responsabile qualità per Coldiretti