La dieta giusta? …a ognuno la sua!

Quante volte ci siamo chiesti perché alcune persone ingrassano al primo “strappo alla regola” a tavola, mentre altre sembrano in grado di ingurgitare il triplo delle calorie che assumiamo noi, restando sempre asciutti, se non addirittura sottopeso…? E perché certe diete funzionano benissimo su alcune persone, mentre su altre ottenono risultati scarsi o pressoché nulli? Dipende solo dalla forza di volontà? Leggi di più a proposito di La dieta giusta? …a ognuno la sua!

POLVERE DI LATTE

Un anno fa esatto la notizia della messa in mora da parte dell’Unione Europea all’Italia, per la norma italiana che vieta l’utilizzo di latte in polvere per la produzione di formaggi e latticini faceva letteralmente il giro del web, e delle coscienze. Le prese di posizione, le opinioni e l’ideologia hanno – come sempre in questi casi – preso il sopravvento sui fatti. Leggi di più a proposito di POLVERE DI LATTE

Falsi miti alimentari: super-cibi miracolosi vs alimenti killer

Editoriale di Arianna Acciarino – Direttore editoriale di mangiobenevivobene.it

Quante sono le frottole che ci fanno bere ogni giorno? Quali sono i consigli validi e quali invece le leggende metropolitane? Leggi di più a proposito di Falsi miti alimentari: super-cibi miracolosi vs alimenti killer

Il Business della paura: quanto bisogna preoccuparsi del cibo e quanta informazione-spazzatura viene prodotta sulla sicurezza alimentare?

Editoriale di Arianna Acciarino – Direttore editoriale di mangiobenevivobene.it

Mangiare fa paura?
Sembrerebbe di si: 9 italiani su 10 si dichiarano infatti molto preoccupati per quello che mettono nel piatto.
Una percentuale (l’86%) che supera di ben 7 punti quella della media europea, stando al sondaggio che l’Efsa (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha commissionato nel 2010 a Eurobaromentro sui “Rischi associati agli alimenti”, realizzato su un campione di ben 26.691 persone, dai 15 anni un su, provenienti da tutti i 27 Stati membri. Leggi di più a proposito di Il Business della paura: quanto bisogna preoccuparsi del cibo e quanta informazione-spazzatura viene prodotta sulla sicurezza alimentare?