L’UVA FA BENE AL CUORE: LA CONFERMA DAL CREA IN UNO STUDIO SPERIMENTALE SULLA VARIETÁ AUTUMN ROYAL

Che l’uva fosse un alimento alleato della salute è un fatto ormai noto, in quanto, per la sua peculiare composizione, è un concentrato di sostanze preziose per il nostro organismo. Ma quali sono i reali benefici del consumo di questo frutto? Leggi di più a proposito di L’UVA FA BENE AL CUORE: LA CONFERMA DAL CREA IN UNO STUDIO SPERIMENTALE SULLA VARIETÁ AUTUMN ROYAL

Disturbi alimentari: facciamo chiarezza

Spesso si parla dei Disturbi Alimentari con estrema leggerezza, si pensa che derivino dalla vanità, dal desidero di “fare la modella” (dimenticando che è un disturbo che colpisce anche il sesso maschile) o da capricci facilmente risolvibili forzando queste persone a finire quello che hanno nel piatto. La realtà è ben altra. Leggi di più a proposito di Disturbi alimentari: facciamo chiarezza

“Senza glutammato aggiunto” fa bene… al marketing!

Di Francesca Antonucci*

Un po’ perché è gennaio e siamo in pieno inverno, un po’ perché siamo tutti reduci dalle feste e dagli stravizi ma questo è uno dei momenti dell’anno in cui più spesso si fa ricorso al brodo. Una minestra pasta e verdure, o un piatto di tortellini ha sia ottime qualità corroboranti che la possibilità di soddisfare gusto e necessità di leggerezza in tavola. Leggi di più a proposito di “Senza glutammato aggiunto” fa bene… al marketing!

Progetto “Insect Card”: dagli insetti l’integratore del futuro contro le malattie cardiovascolari

Un team di ricercatori del CREA ha messo a punto un integratore alimentare a base di insetti per prevenire le patologie cardiovascolari, utile all’ambiente, al portafoglio e alla salute, in quanto, rispetto ai prodotti similari di origine vegetale e animale, gli allevamenti degli insetti non producono inquinamento ambientale, sono ricchi di acidi grassi polinsaturi e i bassi costi di produzione si traducono in un prezzo decisamente competitivo. Leggi di più a proposito di Progetto “Insect Card”: dagli insetti l’integratore del futuro contro le malattie cardiovascolari